Gioielli dell’Umanità in Spagna. Scopriamoli insieme!

Loggia della Seta di Valencia

La Spagna è il terzo paese più visitato al mondo. Poliedrica e ricca di storia, tradizioni e curiosità, affonda le sue radici nelle diverse culture che si sono susseguite nel corso dei secoli. La conformazione del territorio è stata fondamentale per lo sviluppo della società attuale.

La Spagna fu terra natia di grandi artisti del calibro di Dalí, Picasso, Gaudí, Goya e Velázquez, ed anche culla delle prime espressioni artistiche. Nella grotta di Altamira, nella comunità autonoma della Cantambria, e in altre 17 si trovano le pitture rupestri più antiche del mondo, risalenti ad oltre 40.000 anni fa.

Queste preziosissime testimonianze sono inserite nella lista dei Patrimoni dell’Unesco. Alla Spagna spetta il terzo posto sul podio, dopo Italia e Cina, con ben 46 siti.

Non solo, ad accrescere l’immenso valore di questa penisola vi sono anche 47 Riserve della Biosfera Unesco, qualifica internazionale per la conservazione e la protezione dell’ambiente.

Il 1982 fu un anno di grande importanza, con la firma della Convenzione per la protezione del patrimonio mondiale culturale e naturale. I principi esposti vennero applicati a partire dal 1984 con la tutela dei primi luoghi inseriti.

Ben sette dei nove che si trovano a Barcellona furono progettati dell’architetto Antonio Gaudí, maestro indiscusso del modernismo catalano. Le Corbusier lo definì “plasmatore della pietra, del laterizio e del ferro”.

La Sagrada Familia, è una delle sue opere più celebri, iniziata nel 1882 ed ancora incompleta, nonché il monumento simbolo della di Barcellona Seguono Parc Güell, Torre Bellesguard, Casa Milà (nota anche come “La Pedrera”), Palacio Güell, Casa Vicens, la Cripta di Colonia Güell e Casa Batlló. Quest’ultima è la costruzione più emblematica del geniale architetto. Eretta tra il 1904 e il 1906 nel cuore della metropoli.

Spostiamoci nella Comunità Autonoma di Madrid, tra fascino e magia. Alcalá de Henares, patria di Miguel de Cervantes, fu la prima città universitaria pianificata come tale. È nota soprattutto per la sua antichissima Università, una delle migliori al mondo, ed il suo complesso storico. Vi sembrerà di tornare indietro nel tempo mentre passeggerete per le sue strade. Godetevi l’eccezionale fusione tra la natura e la mano dell’uomo ad Aranjuez, vi lascerà stupefatti.

Il Monastero dell’Escorial, detto anche di San Lorenzo del Escorial, è una delle strutture più significative dell’architettura spagnola. Nell’enorme complesso sono stati sepolti Carlo V e numerosi reali. Esiste anche una moneta commemorativa con incisa la sua immagine.

A Valencia las Fallas, una delle feste tradizionali di maggior richiamo turistico, sono state recentemente dichiarate Patrimonio Immateriale. Ogni anno accorrono per l’evento milioni di turisti e visitatori, desiderosi di respirare la straordinaria atmosfera.

Non mancano altre rappresentazioni artistiche e folcloristiche di rilievo mondiale: la Lonja de la Seda, il Tribunal de las Aguas, le pitture rupestri, il palmeto di Elche, le feste della Mare de Déu de la Salud, che risalgono al XIII secolo, e il dramma sacro “Il mistero di Elche” .

Arriviamo infine a Siviglia,capoluogo dell’Andalusia, densa di storia ed arte nelle strade, nelle piazze e nei musei. Tra gli edifici più noti: la Cattedrale, l’Alcázar e l’Archivo General de Indias.

Immergetevi in questo mondo affascinante, tra i tesori delle quattro principali città spagnole. In ogni città la vostra guida italiana vi porterà alla scoperta di posti ed eventi di eccezionale valore universale.

Avete già prenotato un volo?

 

scritto da Giulia Rosignoli